Introduzione

"…possiamo sperare di dare un contributo importante alla integrazione spirituale, psicologica ed esteriore dell'umanità…. per contribuire all'avvento di una nuova civiltà veramente umana, di una nuova cultura, di un nuovo modo di vivere."
R. Assagioli

Fino ad ora, nella cultura, la volontà è stata considerata prevalentemente sul piano esistenziale e filosofico, mentre, come funzione psichica, è stata quasi ignorata o negata.
In ogni caso, pochi aspetti della psiche umana sono stati tanto poco compresi ed apprezzati.
Roberto Assagioli, fondatore della psicosintesi, l'ha invece posta al centro del cammino psicosintetico: ha mostrato che è possibile svilupparla attraverso un allenamento specifico e l'ha indicata come imprescindibile nel processo di autorealizzazione in quanto liberatrice del potere creativo insito in ogni essere umano.
Imparare a volere porta la nostra esperienza umana dalla periferia della coscienza al centro; ci porta dal caos interiore all'armonica espressione dei livelli fisico, emotivo, e mentale; favorisce l'allineamento dell’individuo con le leggi su cui è regolata la vita universale.
L'Istituto di Psicosintesi propone un Congresso Internazionale sulla cultura della volontà, per contribuire a mettere un seme di una cultura nuova, che sia conoscenza ma anche azione creativa, che affronti sia le potenzialità che le problematiche connesse con la volontà.
Questo Congresso rappresenta dunque un’occasione per:

Mariagrazia G. Sassi
Presidente dell’Istituto di Psicosintesi