ISTITUTO DI PSICOSINTESI
fondato da Roberto Assagioli

CINEFORUM: Monsieur Ibrahim e i fiori del Corano

Incontro 1

CINEFORUM

altre attività
Per tutti - ingresso libero

Gabriella Crespi, Doris Malenschek, Viviana Borin

Incontro 1 di 3

Domenica dalle ore 15:00

Sede del Centro
Via Bartolomeo Eustachi, 45 - 20129
Milano

Domenica 8 Settembre 2019

 

LA VITA IN UN FILM

“Non è mai troppo tardi per avere una buona infanzia” (Vincenzo Liguori)

Dall'incontro di due solitudini, una storia di amicizia e iniziazione che sfida i confini dell'età e del credo religioso. Un viaggio mistico verso le origini, nella speranza che la nostra lotta interiore ci conduca dove vogliamo noi e non più dove vogliono gli altri.

SEGUIRA' BREVE ANALISI PSICOSINTETICA DEL FILM IN CONDIVISIONE

Vedi: https://www.mymovies.it/film/2003/monsieuribrahimeifioridelcorano/

 

Monsieur Ibrahim e i fiori del Corano (Monsieur Ibrahim et les fleurs du Coran) è un film del 2003 diretto da François Dupeyron, tratto dal romanzo omonimo di Éric-Emmanuel Schmitt.

Il film è stato presentato fuori concorso alla 60ª Mostra internazionale d'arte cinematografica di Venezia.

Trama

Parigianni sessanta. Moїse Schmidt è un undicenne di origine ebraica, che abita nella rue Bleue, in un quartiere della classe operaia della capitale, insieme ad un padre assente e scostante, perso nel mito del figlio maggiore, Popol, andato via insieme alla madre.

Il ragazzino fa la spesa nel negozio di alimentari dell’arabo, Monsieur Ibrahim, dove ogni tanto ruba cibo in scatola per riuscire a arrivare a fine giornata con i pochi soldi che gli passa il padre.

Un giorno nella rue Bleue arriva una troupe per girare un film con una bellissima attrice bionda che sembra Brigitte Bardot; tutti sono affascinati, durante una pausa lei entra nel negozio di M. Ibrahim per una bottiglia d'acqua che lui le fa pagare caro. “Per ripagarmi di quello che mi rubi tu”, confida poi a Moїse, che lui chiama Momo. Tuttavia non gli serba rancore, anzi gli regala bottiglie e scatolette, gli dispensa preziosi consigli su come amministrare il denaro e su come ricercare la felicità. La loro amicizia si sviluppa e presto Moїse si sente più vicino a Ibrahim che al padre.

Mentre Momo prende sempre più confidenza con M. Ibrahim, che rivela di non essere un arabo nordafricano ma di essere originario della Mezzaluna d’oro, la Mesopotamia, e di aderire, dal punto di vista religioso, al sufismo.

Il padre perde il lavoro e qualche giorno dopo se ne va di casa lasciandogli tutti i soldi e un biglietto d'addio in cui confessa la propria inadeguatezza. Si suiciderà gettandosi sotto un treno. L'amicizia con Ibrahim si consolida, Momo gli chiede di adottarlo, l'uomo ci riesce con qualche difficoltà.

Ibrahim ha deciso di tornare in visita al suo lontano Paese, da dove manca da molti anni. Acquista un'automobile nuova e prende lezioni di guida, poi parte con Momo per un viaggio via terra attraverso l'Europa. A Istanbul cominciano a entrare in contatto con l'Oriente. Ibrahim porta il ragazzo a una cerimonia di danza dei dervisci, poi attraversano l'Anatolia. Purtroppo, quando è già in vista del villaggio, Ibrahim rimane vittima di un incidente automobilistico.

Tornato a Parigi, Momo scoprirà che il padre adottivo gli ha lasciato tutto. Sarà lui a gestire adesso il negozio di alimentari, e malgrado sia ebreo diventerà l’arabodella rue Bleue.

Riconoscimenti

>>> CINEFORUM <<<